La notte dei morti viventi.

C’e’ una banana alla porta. Sara’ sui 10-12 anni, a giudicare da quello che la buccia lascia intravedere. Una faccia da luna piena. “Trick or treat”. Detto con quella vocetta deliziosa che evoca in me il piacere inconfondibile dell`attrito del gesso sulla lavagna.

L`abbiamo sentita in decine di filmacci americani. Ora me la godo “live“, la vocetta. Le mollo una barretta ai cereali che ho comprato da Save on Food tre mesi fa e una caramella confezionata dal colore fluo, il sapore imperscrutabile e, ipotizzo con fatalistico distacco, chimicamente instabile.

2011-10-28 16.27.10

Quest’anno sono rimasto a casa. Suonano il campanello. Apro la porta, porgo una ciotola di metallo che sembra un pitale, pieno di mer..endine, caramelle, barrette e schifezze assortite. Richiudo la porta, con un sospiro e aspetto il prossimo ringhio di campanello.

halloween2

Sono prevenuto, lo ammetto. Halloween non fa parte della mia tradizione simbolica. Prima di trasferirci qui in Canada, ne abbiamo ospitato una pallida imitazione a casa: Teresa col cappello da strega, io con un maglione nero a collo alto nel patetico tentativo di sembrare Frankenstein (anche se assomiglio di più a Gru, il cattivo di Desplicable Me, con la parrucca pero’), le bambine vestite da principesse reduci da un incidente stradale, con le cicatrici disegnate col pennarello, il riso, latte e zucca servito ad uno sparuto gruppo di nouveaux halloween-fan. Un tipico caso di “non vorrei-ma devo”, o da dilettanti allo sbaraglio.

halloween5

Qui in Canada, Halloween é una cosa dannatamente seria. A settembre i negozi che vendono costumi stanno giá lavorando a pieno ritmo, mentre sui siti online di ricette fanno la loro comparsa gli speciali Halloween, che ti spiegano “passo passo” come fare zuppe di ragno e scorpioni, le dita di mummia o altre porcate del genere.

L’anno scorso l’appuntamento era a casa di Tim e Candace. Tim fa il pilota per West Jet e Candace si occupa dei tre figli maschi. Sono sempre di corsa, travolti dagli impegni famigliari e di lavoro, pero’, cazzo, il tempo di trasformare il giardino davanti a casa in un cimitero da notte dei morti viventi, lo trovano: le tombe scoperchiate, gli scheletri di plastica che artigliano la terra per uscire allo scoperto, i corvi neri col cappello a cilindro, le tele di ragno.

halloween3

Ci rifilano una scodella di chili, ali di pollo fritte e poi via per strada, a controllare una banda di ninja, mini-zombi e principesse congelate stile Frozen che rompono l’anima al vicinato. Anche gli adulti, soprattutto gli adulti, si lasciano prendere la mano: suoni il campanello e cala una corda da impiccagione, parte un effetto sonoro in dolbysurround che proviene da casse acustiche mimetizzate nei cespugli (passi sul pavimento di legno tarlato, risate agghiaccianti) e un tizio con la sega a motore accesa apre la porta. Mi sento come Obelix quando fa i cerchi con l’indice all’altezza della tempia. SPQC. Sono pazzi questi canadesi.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

About emigrante per caso